AIUTATECI A DIFENDERE LA NOSTRA TERRA E IL NOSTRO LAVORO,

PER CONTINUARE A COLTIVARE PRODOTTI CON UN GUSTO SPECIALE,

QUELLO DELL’AMICIZIA, DELLA SOLIDARIETA’ E DELLA LEGALITA’

La Cooperativa Agricola Terre Grecaniche, i Soci e i Lavoratori, hanno subito, nelle settimane scorse, un gravissimo atto di intimidazione compiuto dalla criminalità organizzata. Alcuni Soci della Cooperativa Terre Grecaniche si sono recati, in data sabato 7 marzo 2020, nel Fondo Agricolo di Palizzi (RC) di proprietà della Cooperativa, insieme a due Lavoratori e all’Agronomo, per organizzare le attività agricole delle settimane successive relative alla coltivazione dei vigneti e degli uliveti. Arrivati sul luogo hanno purtroppo dovuto constatare che il cancello di ingresso era stato aperto, tagliando i lucchetti, e che tutte le macchine e le attrezzature agricole della Cooperativa, custodite in una casetta rurale e dentro un container adeguatamente protetto con barre e lucchetti di chiusura, erano state rubate.

Un’immagine e una situazione bruttissima e scoraggiante per i Soci e per i Lavoratori della Cooperativa che hanno visto, in un solo momento, svanire i sacrifici e l’impegno di otto anni di lavoro. Non era rimasta nemmeno una zappa per lavorare la terra, a fronte di una dotazione completa e moderna di macchine e attrezzature agricole delle quali la Cooperativa si era dotata con un investimento totale di circa € 90.000.

I Carabinieri, immediatamente intervenuti su richiesta dei Soci della Cooperativa Agricola Terre Grecaniche, hanno effettuato i rilievi e avviato gli accertamenti e le indagini necessarie.

Questo furto, infatti, non è il primo che la Cooperativa subisce ad opera della criminalità organizzata. Un furto analogo è state realizzato negli ultimi giorni del 2014 e denunziato ai Carabinieri il 14 gennaio 2015 in un altro Fondo Agricolo a Palizzi (RC) della Cooperativa Agricola Terre Grecaniche. In quell’occasione sono stati rubati, in una casetta rurale, delle attrezzature agricole e degli arredi che la Cooperativa utilizzava per organizzare degustazioni per visitatori e turisti ed eventi sociali con i Soci.

In ambedue i furti il messaggio che è stato recapitato alla Cooperativa Agricola Terre Grecaniche è sempre il medesimo “Qua comandiamo noi e ve ne dovete andare”.

Purtroppo quest’ultimo furto ha un impatto rilevante per la nostra Cooperativa, sia per il valore patrimoniale e operativo delle macchine e delle attrezzature rubate che per l’impossibilità di proseguire le attività di produzione con la tempestività richiesta dalle lavorazioni dei vigneti e dell’uliveto. La Cooperativa deve provvedere immediatamente ad acquistare nuove macchine e attrezzature agricole (anche usate) per sostituire quelle rubate.

Purtroppo l’atto di intimidazione subito dalla Cooperativa Terre Grecaniche è solo l’ultimo di una lunga serie di azioni criminali contro altre Cooperative e Associazioni che operano in Calabria per l’affermazione dei diritti costituzionali dei cittadini e delle imprese e per il contrasto alla criminalità organizzata. Ricordiamo a tal fine il furto delle macchine e delle attrezzature agricole ai danni della Cooperativa Sociale Alba, Socia del Consorzio Macramè, il furto subito dalla Cooperativa Sociale “Le Agricole” di Lamezia Terme promossa dall’Associazione “Progetto Sud” che fa riferimento a Don Giacomo Panizza, i continui furti e danneggiamenti ai danni delle Cooperative della Rete GOEL.

Siamo di fronte ad una emergenza continua che non permette di lavorare serenamente, di pianificare le attività, di dare sicurezza ai lavoratori e alle loro famiglie. Oggi tutto questo è amplificato dagli impatti devastanti della pandemia del corona virus. Le nostre Cooperative e Associazioni hanno bisogno di essere aiutate per potere continuare a esercitare positivamente il loro ruolo di aziende e operatori eticamente orientati.

È per questo che Vi chiediamo di esserci vicini per proseguire sulla strada intrapresa certi di avere tanti compagni di viaggio pronti a sostenerci. Poi passata la “tempesta” speriamo di ritrovarci e abbracciarci di fronte a un buon bicchiere di vino calabrese che ha il gusto dell’amicizia, della solidarietà e della legalità.

Un abbraccio a tutti Voi da parte dei Soci e dei Lavoratori della Cooperativa Terre Grecaniche.

Scarica il Comunicato  Stampa Completo della Cooperativa Terre Grecaniche

Banca Popolare Etica promuove il Progetto “ARANGHIA 2015, FOR HARAMBEE” – https://sociinrete.bancaetica.it/soci/terre-grecaniche/offerte/aranghia-2015-for-harambee/

CONTRIBUISI ANCHE TU ALLA CAMPAGNA DI SOLIDARIETA’

Abbiamo pensato di organizzare e promuovere, con il Vostro aiuto, che già conoscete la nostra Cooperativa e i relativi Prodotti, una campagna di solidarietà che prevede, l’acquisto a prezzi molto scontati, rispetto ai prezzi del Listino, dei seguenti Prodotti della Cooperativa Terre Grecaniche:

  • Scatola di N. 6 Bottiglie (0,75 Litri) di Vino Aranghìa 2015 – Prezzo: € 36,00 / Scatola (*)

  • Scatola di N. 6 Bottiglie (0,75 Litri) di Vino Aranghìa 2017 Bio – Prezzo: € 48,00 / Scatola

  • Scatola di N. 6 Bottiglie (0,75 Litri) di Vino Heraklion 2015 affinato in barrique – Prezzo: € 54,00 / Scatola

  • Scatola di N. 6 Bottiglie (0,75 Litri) di Vino Calanchi 2018 Bio: Prezzo: € 42,00 / Scatola

  • Scatola di N 12 Bottiglie (0,50 Litri) di Olio Extravergine di Oliva Biologico – : Prezzo € 70,00 / Scatola

  • Scatola di N. 2 Latte di Olio Vergine di Oliva (Latta 5 Litri): Prezzo € 60,00 / Scatola

(*) Ricordiamo che il Vino Aranghia 2015, che è buonissimo, presenta modeste quantità di residui naturali nel fondo delle bottiglie.

La realizzazione della campagna di solidarietà deve tenere conto delle attuali problematiche e difficoltà, legate alla pandemia del corona virus, nelle spedizioni e nelle consegne dei prodotti da parte dei corrieri.
Vi chiediamo, per superare queste difficoltà, di effettuare ordini che prevedono una quantità minima di prodotti da acquistare pari a 5 Scatole di Prodotti (Vini e/o Oli). I costi di spedizione per le suddette quantità in Italia sono pari a € 10,00 (IVA Inclusa).

Potrete effettuare, nel rispetto della quantità minima prima definita, sia ordini singoli che ordini collettivi. Per gli ordini collettivi dovrete individuare un unico referente del gruppo che raccoglierà gli ordini individuali delle persone interessate.

Gli ordini dovranno essere trasmessi per email (vendite@terregrecaniche.it) alla Cooperativa Agricola Terre Grecaniche indicando i dati per la fatturazione e la sede di consegna dei prodotti ordinati.

La Cooperativa Agricola Terre Grecaniche provvederà ad inviare per email la conferma d’ordine e tutte le informazioni per il pagamento con bonifico bancario. A seguito della conferma dell’ordine si provvederà alla spedizione dei prodotti ordinati e all’emissione della relativa fattura.

 

COMUNICATI STAMPA E ATTESTAZIONI DI SOLIDARIETA’

Furto a cooperativa Terre Grecaniche: don Stamile (Libera Calabria), “contro la ‘ndrangheta non esistono vaccini”

Don Stamile, Libera Calabria

Terre Grecaniche è bella e coraggiosa realtà che fa onore a tutto il territorio reggino e all’intera Calabria, che ora deve fare i conti con danni molto ingenti alle attrezzature che rischiano di metterla in ginocchio”. È il commento che don Ennio Stamile, referente di Libera per la Calabria, ha affidato a un comunicato stampa dopo la notizia che a Palizzi (Rc) ignoti hanno rubato tutte le attrezzature della cooperativa agricola Terre Grecaniche, per un valore complessivo di oltre 100mila euro. L’episodio, avvenuto nelle scorse settimane, è stato reso noto solo nelle ultime ore. “La Calabria da oltre un secolo e mezzo fa i conti con un ‘virus’ contro il quale sembrerebbe non esistano vaccini: la ‘ndrangheta”, afferma don Stamile. “In questi giorni di preoccupazione per l’intera Europa oltre che per la Cina e per tante altre nazioni, interessate dall’epidemia di coronavirus, la ‘ndrangheta non si ferma, colpendo duramente la cooperativa Terre Grecaniche, che tra l’altro ha aderito con determinazione a ‘La Libertà non ha Pizzo’, campagna lanciata da Libera nata a Reggio Calabria circa 11 anni fa, che stiamo provando ad estendere su tutto il territorio calabrese”.
Il referente regionale ritiene che “esprimere solidarietà alle imprese e a tutti quelli che subiscono, intimidazioni, racket ed usura, significa assumersi la responsabilità della vicinanza, della denuncia e se occorre stimolare le istituzioni a ogni livello, ciascuno secondo le proprie competenze, a fare la loro parte”. Anzitutto, infatti, occorre “sovvenire alle concrete esigenze lavorative delle realtà colpite da gravi e ingenti danni come la cooperativa Terre Grecaniche”.

 

Calabria, rubati 100 mila euro di attrezzature alla Cooperativa Agricola Terre Grecaniche di Palizzi. Dura condanna di Legacoop Calabria e del Consorzio Macramè: “La Malavita ci preoccupa ma non ci ferma”

Davide Bortone, WineMag

Non basta l’emergenza Covid-19 a mettere in ginocchio la viticoltura in Italia. In Calabria, per l’esattezza nella parte meridionale della regione, a Palizzi (RC) ignoti hanno rubato tutte le attrezzature della Cooperativa Agricola Terre Grecaniche, per un valore complessivo di oltre 100 mila euro. L’episodio, avvenuto nelle scorse settimane, è stato reso noto solo nelle ultime ore.

A commentare il furto è Giancarlo Rafele, presidente del Consorzio Macramè e della Cooperativa Sociale Kyosei di Catanzaro, oltre che coordinatore delle cooperative sociali di Legacoop Calabria, che operano su terreni confiscati alla mafia tra Melito Porto Salvo e Rosarno.

In Calabria – scrive Rafele – c’è un virus più pericoloso e letale del Covid-19. È quello della malavita. Ne sono affetti i farabutti che nelle settimane scorse hanno rubato ogni cosa alla Cooperativa Agricola Terre Grecaniche di Palizzi”.

Macchine ed attrezzature che servivano per lavorare quelle terre nel cuore dell’Area Grecanica spesso abbandonate al loro destino, che poi è il nostro. Terre il più delle volte di dominio dei clan locali. Ma noi vogliamo berlo ancora il loro vino Aranghìa, il loro Calanchi, il loro olio extravergine di oliva. Noi vogliamo ancora continuare a lavorare insieme a loro per costruire quella filiera agricola che stava prendendo forma”, continua Rafele.

Quest’ennesimo atto di potere criminale ci preoccupa ma non ci ferma. A loro risponderemo ancora una volta con il potere dell’impegno e della comunità responsabile. Risponderemo con un ‘noi’ che ci vede impegnati in tanti percorsi di giustizia e di economia sana. Noi non li lasceremo soli a Gianni, Salvatore, Nino”.

L’appello del dirigente continua: “Non li lasceremo soli perché loro hanno deciso di aprire la finestra su quelle terre per cambiare l’aria. Per sbarazzarsi dell’invidia, dell’ignoranza, della diffidenza, dell’approssimazione, della malavita”.

Noi non li lasceremo soli perché, come noi, si erano messi in testa di essere felici. Non altrove, non un domani, ma qui e ora. Non li lasceremo soli perché nessun virus potrà mai sconvolgermi tanto quanto la voce stremata di Gianni, Nino e Salvatore. Ce la farete, ce la faremo”, conclude il presidente del Consorzio Macramè.

La Cooperativa Terre Grecaniche alleva vigneti a 200 metri sul livello del mare. Nerello Mascalese, Calabrese, Alicante, Syrah, Chardonnnay e Guardavalle le varietà presenti a Palizzi, utili alla produzione di vini bianchi, rosati e rossi.

Articoli Stampa

Libera Calabriahttps://www.agensir.it/quotidiano/2020/3/31/furto-a-cooperativa-terre-grecaniche-don-stamile-libera-calabria-contro-la-ndrangheta-non-esistono-vaccini/

WineMag – https://www.winemag.it/calabria-rubati-100-mila-euro-attrezzature-cooperativa-agricola-terre-grecaniche-palizzi/

Vino Calabrese – https://www.vinocalabrese.it/intimidazione-con-furto-alla-cooperativa-terre-grecaniche-di-palizzi-rc/

VinialSuper.it – https://www.vinialsupermercato.it/vino-e-olio-contro-le-intimidazioni-della-ndrangheta-aiutiamo-terre-grecaniche/

WineMag – https://www.winemag.it/una-bottiglia-di-vino-di-terre-grecaniche-contro-le-intimidazioni-della-ndrangheta/

Loading...